Trabucco

Il trabucco è un'ingegnosa macchina da pesca.
Costruito con travi di quercia, pino e abete.
Probabilmente metodo di pesca importato dal vicino Abruzzo, regione con la quale non mancavano assidui contatti soprattutto determinati dalla transumanza.
Le prime fonti storiche infatti ci parlano della presenza del trabucco in Gargano solo dai primi del Novecento.
E' composto da un ampio palchetto dove viene sistemata la rete a fine pesca; da due montanti, che hanno la funzione di sostenere le due antenne piú lunghe, che in alcuni casi raggiungono i 50 metri, e le piccole antenne laterali.
Al centro del palchetto di erge un altro montante più basso.
Questo regge un'altra antenna, più piccola, che permette ai pescatori di recuperare il pesce dal fondo della rete con un lungo retino.
Presenti due argani che vengono sospinti per tirare su la grande rete rettangolare adagiata sul fondo per un terzo.
Le prede principali di questo astuto marchingegno sono i cefali, detti anche "pesc trabucc", proprio per testimoniare il motivo per cui questi marchingegni sono stati edificati.